Page images
PDF
EPUB

zione dovrebbe avere tre qualità. Primo, essere una; secondo , intera; terzo, grande. Si consideri l'azione dell' Iliade, dell'Eneide e del Paradiso perduto in questi tre differenti aspetti. Omero a tener l’unità di quest' azione, va al nodo tutto in un tratto, come osservò Orazio: se ei fosse risalito all'uovo di Leda, o principiato avesse più tardi ancora, dal ratto di Elena o dall'assedio di Troia; è chiaro che la storia del suo poema sarebbe stata una serie di azioni diverse. Quindi egli apre il suo poema colla discordia de' suoi principi ed artificiosamente intesse nelle varie successive parti un racconto di ogni cosa importante che vi si riferisca, o che sia avvenuta innanzi a questa fatale dissenzione. Nella medesima gaisa Epea fa la sua prima comparsa nelle acque Tirrene e alla vista d'Italia perche l'azione proposta a celebrarsi fu di stabilirlo nel Lazio. Ma perchè ei fu bisogno d'istruire il lettore di quanto eragli avvenuto nella presa di Troia e delle precedenti parti del suo viaggio, Virgilio fa narrar cio dal suo eroe a modo di episodio nel secondo e terzo libro dell' Eneide ; il contenuto de' qnali va innanzi a quello del primo libro per filo di storia ; benchè a serbare questa unità di azione ei venga dopo nella disposizione del poema. Milton, sulle orme di questi due grandi poeti, comincia il suo Paradiso perduto con un concilio di demóni tramanti alla caduta dell'uomo, che è l'azione propostasi a celebrare; e quei grandi fatti, come la battaglia degli angeli e la creazione del mondo , (che precedute in ordine di tempo, e che secondo il mio intendere, avrebbono interamente distrutta l'unità della sua principale azione se egli avessele narrate nello stesso ordine che avvennero ) egli le introdusse nel quinto, nel sesto e nel setfimo libro, a manicra di episodio a questo sublime poema.

Aristotle himself allows, that Homer has nothing to boast of as to the unity of his fable; though that great critic and philosopher endeavours to palliate this imperfection in the Greek poet, by imputing it, in some measure, to the very nature of an epic poem. Same have been of opinion that the Æneid also is deficient in this particular, and has episode, which may be looked upon as excrescences, rather than as parts of the action. On the contrary, the poem which we have now under our consideration has no other episodes than such as natu-. rally arise from the subject, and yet is filled with such a multitude of astonishing incidents, that it gives us at once a pleasure of the most extensive variety, and the greatest simplicity; uniform in its nature, though diversified in the execution.

I must observe, also, that as Virgil, in the poem which was designed to celebrate the founder of the Roman empire, has described the origin of its great rival, the Carthaginian commonwealth; Milton, with the like art, in his poem on the fall of Man, has related the fall of those angels who are his professed enemies. Besides the many other beauties in such an episode, its running parallel with the great action of the poem, prevents it from breaking the unity, so much as another episode which had not so great an affinity with the principle subject. In short, this is the same kind of beauty which the critics admire in the Spanish Friar, or the Double Discovery; where the two different plots appear as counterparts, and copies. · The second qualification required in the action of an epic poem is, that it should be an entire action. An action is entire when it is complete in all it parts; or, as Aristotle describes it, when it consists of a beginning, a middle, and an end. Nothing should go before it, be

Aristotele medesimo confessa che Omero non ha nulla a gloriarsi nell'unità del suo argomento; benchè quel gran critico e filosofo si maneggi a mantellare questa imperfezione nel greco poeta , coll'imputarla in qualche maniera alla stessa natura del poema epico. Pensarono alcuni che l’Eneide pecchi pure da questo lato, ed abbia episodi più simili quasi direi a protuberanze, che non a parti dell' azione. Pel contrario il poema che ora andiam considerando non ha altri episodi che quelli che naturalmente pollano dal subbietto ; eppure egli è ricco di tale una moltitudine di mirabili avvenimenti , che ad un tempo ci da il piacere della più estesa varietà, e della massima semplicità ; uniforme nella sua natura , benchè variato nella esecuzione.

Debbo' ancora osservare , che siccome Virgilio nel suo poema destinato a celebrare il fondatore del romano imperio descrisse l'origine della sna gran rivale la repubblica Cartaginese; così Milton con arte somigliante, nel suo poema sulla caduta dell'Uomo, narrò la caduta di quegli angeli che sono di lui giurati nemici. Oltre le varie altre bellezze di tale episodio , il suo proceder parallello alla grande azione del poema, lo franca dal rompere l'unità, come fatto avrebbe un episodio che non avesse avuta sì grande affinità col principale subbietto. In breve , quest' è lo stesso genere di bellezza che i critici ammirano nel Frate spagnolo o nella Doppia scoperta; dove i due differenti intrecci appaiono come parti rispondenti e copie.

La seconda qualità richiesta nell'azione di un poema epico è che l'azione sia intera. Un'azione è intera; quando ella è completa in ogni sua parte; o come la descrive Aristotele , quando è composta di un principio, di un mezzo e di un fine. Nulla dee precederla,

intermixed with it, or follow after it, that is not related to it; as, on the contrary, no single part should be omitted in that just and regular progress which it must be supposed to take from its origin to its consummation. Thus we see the anger of Achilles in its commencement, its continuance, and effects; and Æneas's settlement in Italy, carried on through all the oppositions in its way to it, both by sea and land. The action in Milton excels, I think, both the former in this particular; we see it contrived in Hell, executed upon Earth, and punished by Heaven. The parts of it are related in the most distinct manner, and grow out of each other in the most natural order.

The third qualification of an epic poem is, its greatness. The anger of Achilles was of such consequence that it embroiled the kings of Greece, destroyed the heroes of Asia, and enraged all the gods into factions. Æneas's settlement in Italy produced the Cæsars, and gave birth to the Roman empire. Milton's subject was still greater than either of the former; it does not determine the fate of individuals, or nations, but of a whole species. The united powers of Hell are combined for the destruction of mapkind, which they effected in part, and would have completed, had not Omnipotence itself interposed. The principal actors are, Man in his greatest perfection, and Woman in her highest beauty. Their enemies are the fallen Angels, the Messiah their friend, and the Almighty their protector. In short, every thing that is great in the whole circle of being, whether within the verge of Nature, or out of it, has a proper part assigned it in this admirable poem.

Aristotle, by the greatness of the action, does not only mean that it should be great in its nature, but also in its duration; or, in other words, that it should have a due

o tramezzarla o seguirla che a lei non si riferisca ; come al contrario nè una sola parte devrebbe omettersi in quel giusto e regolare progresso che necessariamente supponesi tenere ella dal suo principio sino alla fine. Così noi vediamo l' ira di Achille nel suo cominciare, nel suo progredire e ne' suoi effetti, e lo stabilimento di Enea in Italia condotto fra tutti gli ostacoli della sua via e per mare e per terra. L'azione vince a parer mio. in Milton ambedue le prime in questo particolare; poi la vediam macchinata in inferno, eseguita sulla terra, e punita dal cielo. Le sue parti sono riferite nella più distinta maniera, e germina l'una dall'altra nell'ordine più naturale. ;

La terza qualità del poema epico è la grandezza. L'ira d'Achille fu di tale importanza che scompigliò i re de'Greci, distrusse gli Eroi di Asia, ed impegnò tutti i Numi in fazioni. Lo stabilimento di Enea in Italia produsse i Cesari e dié origine all'impero romano. Il subbietto di Milton fu ancor più grande dei due primi; vi si risolve il fato non d'individui o di nazioni, ma di una stirpe intera. Le forze unite d'inferno sono congiurate alla distruzione del genere umano, e l'hanno eseguita in parte, e l'avrebbono compiuta se l'onnipotenza istessa non si fosse intramessa. Gli attori principali sono l'Uomo nella sua più alta perfezione, e la Donna nella sua massima beltà. Loro nemici sono gli angeli caduti, è loro amico il Messia, e protettore l' Onnipossente. In somma, ogni cosa che è grande nell'universo ordine degli esseri, o dentro i limiti di natura o fuori, ha una propria dicevole parte in questo ammirabile poema.

Aristotele per grandezza di azione, non vuol solamente intendere che ella sia grande nella sua natura, ma che lo sia pure nella sua durata; oppure, in altre

« PreviousContinue »