Page images
PDF
EPUB
[merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][graphic][subsumed][merged small]

NELLA TIPOGRAFIA DI BERNARDINO OLIVIERI

Con licenza de Superiori.

[merged small][ocr errors][merged small][merged small][ocr errors]

BREVE NARRAZIONE

DELL'ORIGINE, E PROGRESSI

DELLA

VEN. ARCHICONFRATERNITA

DEL

CONFALONE.

Nell'an

[ocr errors]

ell'anno dell' Incarnazione di Nostro Signore 1260. due devoti Canonici della Chiesa di San Vitale nella Valle Quirinale, vedendo mancare nella Città di Roma quella divozione, ed esercizio d'opere pie, che si richiedevano nelle calamità di quei tempi, risolvet. tero uniti con dodici Gentiluomini Romani sovvenire alla di loro Patria, con erigere una Congregazione di Uomini pii per detto effetto, onde ricorsero a Fra Tommaso Fusconi de Berta Romano dell' Ordine de Predicatori Vescovo di Siena e Vicario del Papa in Roma, quale li rimise per consiglio, ed istruzione a Frà Bonaventura da Bagnorea, che poi fù Cardinale, e Santo Dottore della Chiesa Romana. Questi inspirato da Visione Angelica gl' incaminò all' opera, gl' instruì di quanto dovevano fare, persuadendogli l' erezione, quale si eseguì nella Basilica di Santa Mária Maggiore nominandosi Ordine de' Raccomandati di S. Maria. Gli compose un facile, e devoto modo d' orare che fin' al presente giorno si chiama Corona di San Bonaventura, ed ammise li Confratelli alla partecipazione dell' Indulgenze, ed opere meritorie della

Religione Francescana, facendo il simile li PP. Generali de' Predicatori, Agostiniani, e Carmelitani, e in più basso tempo altre Religioni.

Clemente IV. Sommo Pontefice 1' approvò, concedendole con sua Bolla (1) Indulgenze, grazie, e doni spirituali.

Crebbe tanto il numero de Confratelli per nobiltà, buona vita, e gravità ragguardevoli, che nell' anno 1351. fù sufficiente contro l'alterigia d' alcuni potenti Romani a levar il governo a chì per difetto di mala giustizia teneva la Città di Roma sossopra, e creare in suo luogo altri (2) come fece, quando prese Giovanni Cerrone amico popolare per l' età, prudenza, ed ottimi costumi insigne, conducendolo in Campidoglio, e costituendolo Governatore di Roma, al quale diede il giuramento, e l' approvazione il Vicario del Papa.

Ad imitazione di questa Confraternita furono istituite altre simili in varj luoghi della Città, e frà l' altre una in Trastevere a Santa Maria dicontro allo Spedale de'Santi Quaranta, unita poi ad un altra di Santa Maria, e di Sant'Elena in Araceli, degl' Innocenti, e de' Santi Pietro, e Paolo, quali furono da Innocenzo VIII. unite ad una col nome del Confalone di Santa Maria (3).

Alla medesima furono applicati gli Spedali di Santa Maria Annunziata de Via Oratoria fuori di Roma di Sant' Adalberto a Pozzo Roncone nel Vico Patrizio, di Santi Quaranta in Trastevere, di Santa Maria Maddalena appresso Piazza Capranica, e di Santa Lucia, i quali erano anticamente provisti, e governati con o

:

(1) Dat. 8. Kalen. Octobris 1264.

(2) Matth. Villan. lib. 1. Histor. capit. 46.
(3) Nono Kalen. Octobris 1486. anno 3.

[ocr errors]

gni prudenza e carità ma per lé turbolenzé passate d'Italia, e di Roma soppressi, e gli avanzi applicati nella cura di quelle Chiese, che al presente sono in piedi . Soleva impiegarsi in diverse opere pie, e culto de luoghi Sagri, e particolarmente delle Sagre Immagini della Vergine Maria, che si conservano al pre sente nella Cappella Paolina in Santa Maria Maggiore, ed in Araceli, e dell'Immagine del Salvatore ad Sancta Sanctorum presso San Giovanni in Laterano.

Ebbe sin dall' anno 1404. particolar pietà verso de' poveri Cristiani schiavi, poichè si trova ne' Statuti di quel tempo particolare disposizione sopra l'ajuto de' medesimi. Al presente attende con maggior fervore al riscatto degl' istessi in vigore delle facoltà concedutele da Gregorio XIII., e Sisto V. di san. mem (1). Provede a gran numero di povere Zitelle di Doti per maritarsi, e monacarsi, ajuta poveri, ed Infermi della Confraternita, distribuendo anche in diverse Chiese, e Luoghi soggetti alla medesima Archiconfraternita ogn' anno molte limosine ad altri Poveri. Mantiene le suddette Chiese unite ben' offiziate da Cappellani, e l' Oratorio delli Fratelli con molta frequenza, e divozione;

[ocr errors]

Si congregó ne'suoi principj nella Basilica di Santa Maria Maggiore, poi in Araceli e adesso in Santa Lucia e suo Oratorio dedicato a Santi Pietro, e Paolo. Li Fratelli della Confraternita vanno vestiti di Sacchi bianchi, con la Croce bianca con la Croce bianca, e rossa campo azzurro nella spalla destra, alla cintura portano una Corona, ed una frusta da battersi. La Croce assegnatagli da S. Bonaventura è bianca per la Verginità della Madonna, e rossa per la carità della medesima, e per

(1) Gregor. in append. infra Const. 4., Sixtus in Appe d. Constit. 7. & 29..

« PreviousContinue »